DOMINIK PARIS E NADIA FANCHINI: DAL TROFEO TOPOLINO ALLE MEDAGLIE MONDIALI

Trofeo Topolino si riconferma base di lancio dei futuri campioni
Dominik Paris e Nadia Fanchini: esordio internazionale al Trofeo Topolino
Selezioni per la “squadra italiana” del Trofeo il 4 e 5 marzo
52° Trofeo Topolino Sci Alpino in pista a Folgaria (TN) l’8 e 9 marzo

Ci risiamo. Per l’ennesima volta la liaison è inevitabile. La magia del Trofeo Topolino aleggia in modo costante sulle montagne di Schladming, in Austria, dove si stanno svolgendo i campionati del mondo di sci alpino. Un evento che pare si stia trasformando in una sorta di… Trofeo Topolino per i “grandi”.
Dopo Tina Maze, Lara Gut e Julia Mancuso su cui sono stati accesi i riflettori qualche giorno fa, la storia si ripete. Per gli adepti dello sci il collegamento è stato immediato: Dominik Paris e Nadia Fanchini, i campioni di oggi, sono vecchie conoscenze dell’albo d’oro del Trofeo targato Disney.
Dominik Paris ha conquistato la medaglia d’argento lo scorso sabato nella discesa libera, dopo che già si era fatto “notare” dal mondo dello sci mondiale vincendo a Bormio e sulla mitica “Streif” a Kitzbühel, considerata la pista per eccellenza delle discipline veloci. Ma il nostro altoatesino era già di fatto noto: salì sul gradino più alto del podio del Trofeo Topolino nel gigante dell’edizione 2002, ripetendosi anche nel 2004, anno in cui si piazzò pure terzo nello slalom.
La storia si è ripetuta di nuovo ieri, come in un fumetto a puntate: Nadia Fanchini, seconda di tre sorelle (Elena e Sabrina), vince una bellissima medaglia d’argento mondiale, un sogno per lei che, dopo diversi infortuni e tanti sacrifici, è riuscita a non perdere mai la fiducia e lo spirito da combattente, una forza unica nel cuore degli sportivi. Ed è questo lo spirito, il fuoco che brucia negli occhi di chi prende parte al Trofeo Topolino, perché sa di partecipare in quel momento ad una gara dal sapore internazionale, considerata da sempre un vero e proprio “mondialino” per i più giovani. Nadia ne fu protagonista vincente nel 1999 nello slalom, edizione in cui si piazzò anche terza nel gigante; e nel 2001, quando vinse l’argento tra i pali stretti.
Chissà se allora questi due campioni già si vedevano proiettati nell’olimpo dei grandi di questo sport… Certo è che possono essere esempio per tutti i giovani atleti che saranno in pista a Folgaria i prossimi 8 e 9 marzo. E tra le file azzurre la competizione sarà molta perché tutti, sulla scia dei nostri campioni, vorranno dimostrare il proprio valore e far parte della “nazionale del Trofeo”, guadagnandosi il posto in squadra nella selezione che si terrà il 4 e il 5 marzo. Italia A e Italia B sfideranno poi il resto del mondo.
Folgaria è pronta, le piste Martinella Nord, palco dello slalom, e l’Agonistica, teatro del gigante, daranno spettacolo alle centinaia di atleti in erba che ne solcheranno la neve.
Ma di certo non finisce qui. In attesa del via della 52.a edizione del Trofeo conviene restare con le orecchie tese, perché sentiremo ancora parlare di altri campioni che hanno indossato il pettorale del topo più famoso del mondo. La magia continua.
Info: www.trofeotopolino.net