Menopausa: il perché di gonfiore e ritenzione idrica

In menopausa i disturbi a cui andiamo incontro sono fin troppi e di varia natura e tra i sintomi più frequenti e fastidiosi vi sono certamente le vampate di calore, i cosiddetti sbalzi di umore, l’insonnia ecc.; ma uno dei problemi che più preoccupano noi donne riguarda l’aumento di peso e la ritenzione idrica.

Purtroppo in menopausa il nostro corpo comincia a cambiare: gli anni passano e anche le nostre cellule si invecchiano, compaiano le prime rughe e la nostra pelle tende a disidratarsi più velocemente. Al normale invecchiamento fisiologico si affianca l’influenza del calo ormonale, in particolare le fluttuazioni degli estrogeni fino al loro completo esaurimento in post-menopausa. Quest’ultime sono responsabili dell’aumentata ritenzione idrica in alcune zone del nostro corpo. Scopriamone il motivo.

Perché in menopausa siamo soggette a ritenzione idrica?

Molte di noi soffrono di ritenzione idrica sin da giovani a causa di fattori genetici e ormonali o, come spesso avviene, per via di un’errata alimentazione o l’assenza di attività fisica. Tuttavia in menopausa assistiamo ad una maggiore incidenza di tale disturbo e alla sua comparsa anche in donne che non ne hanno mai sofferto. La spiegazione ha a che vedere con la risposta fisiologica del nostro corpo alla menopausa: con l’atrofizzazione delle ovaie che si verifica in età avanzata diminuisce la sintesi degli estrogeni, ormoni coinvolti nel controllo e nel mantenimento dei livelli di LH (ormone luteinizzante) e FSH (ormone follicolo stimolante). L’aumento di questi ormoni va ad influenzare il metabolismo del nostro corpo, determinandone il rallentamento tipico della menopausa a sua volta causa di un incremento del peso e una maggiore difficoltà di eliminazione di liquidi e scorie dal nostro organismo. Le fluttuazioni di estrogeni e progesterone determinano cambiamenti anche nelle concentrazioni di prolattina, il cui aumento è causa di ritenzione idrica, e rispetto alla presenza dell’ormone antidiuretico (ADH), responsabile dell’equilibrio idrosalino del nostro corpo.

Ma che cos’è in realtà la ritenzione idrica?

La ritenzione idrica altro non è che la tendenza dell’organismo a trattenere liquidi al suo interno. I liquidi che il corpo non elimina attraverso la diuresi (filtrazione nei reni) o una sudorazione equilibrata, si accumulano negli spazi presenti tra le cellule dei tessuti sottocutanei di zone specifiche del corpo, come glutei, cosce e caviglie. L’accumulo di liquidi avviene in maniera elevata soprattutto nelle zone a maggiore concentrazione di tessuto adiposo sottocutaneo. È proprio in queste zone che compare il cosiddetto effetto a buccia d’arancia.

Esistono rimedi alla ritenzione idrica in menopausa?

In menopausa gonfiore e ritenzione idrica possono essere combattuti attraverso:

  1. La dieta. È importante aumentare il consumo di ortaggi e frutta e in linea generale vegetali ad alto potere diuretico perché ricchi di liquidi (spinaci, cetrioli, asparagi, melone, ananas, cipolle, lattuga e pomodori) e di sostanze antiossidanti che aiutano la depurazione dei tessuti dalle sostanze tossiche e di scarto dell’organismo. Al tempo stesso dobbiamo cercare di ridurre il consumo di sale ed eventualmente sostituirlo con erbe aromatiche, spezie e salsa di soia ma soprattutto, dobbiamo sforzarci di bere almeno 2 litri di acqua al giorno, possibilmente oligominerale a basso contenuto di sodio.
  2. Il movimento. Pratichiamo sport aerobici o attività in acqua come l’acqua gym e il nuoto, in grado di garantire, attraverso l’acqua stessa, un messaggio drenante sulla nostra pelle.
  3. Consumiamo tisane ed infusi drenanti, ma soprattutto integratori naturali che aiutino a contrastare gonfiore e ritenzione idrica in menopausa. Questi ultimi contengono solitamente principi vegetali attivi come quelli al tè verde e lino, utili contro l’accumulo di liquidi nei tessuti, o a base di peperoncino e carciofo, in grado di favorire l’eliminazione di gas intestinali causa di gonfiore sulla pancia.
Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi