Risparmiare e far durare di più la cartuccia della stampante

Le cartucce per stampanti hanno costi di mercato ritenuti particolarmente onerosi. I consumatori, per tale motivo, cercano da sempre soluzioni per abbattere le spese di gestione del dispositivo: sei uno di loro? Allora sei finito nel posto giusto. Ecco una guida pratica per far durare più a lungo la cartuccia della tua stampante a getto d’inchiostro.

Cartucce compatibili

La soluzione più nota per abbattere i costi di gestione della stampante è rappresentata dall’acquisto di cartucce compatibili. Si tratta di prodotti realizzati da aziende diverse dalle originali, in grado di funzionare con buone prestazioni su più modelli di uno stesso marchio ad un prezzo di mercato significativamente inferiore. Le varie cartucce compatibili Canon, Epson, Samsung, ecc. permettono di ridurre fino al 50% le spese di sostituzione della cartuccia.

Il font giusto

Se stampi soprattutto documenti di testo puoi disporre di un modo immediato per ridurre i consumi. Sapevi che la scelta del font di scrittura incide notevolmente sul fabbisogno di inchiostro? Il font più virtuoso tra quelli ‘commerciali’ è il Garamond ma la vera soluzione top level è un’altra: si chiama Ecofont ed è un tipo di carattere sviluppato appositamente allo scopo di ridurre gli sprechi. Esso è costituiti da minuscoli forellini, invisibili all’occhio umano, che permettono di abbattere in modo sostanziale l’utilizzo di inchiostro di stampa.

Le impostazioni di stampa

Se stampi file cui non è richiesta l’eccellenza della riproduzione grafica, puoi tranquillamente realizzare la tua copia impostando la funzione “stampa come bozza”, per utenti Windows, e la funzione di stampa veloce per Mac user. La qualità della stampa non si discosta in modo significativo da quella standard ma l’impiego di inchiostro sì!

Usare carta standard

Salvo necessità, si consiglia di utilizzare sempre la carta per fotocopie, ovvero quella standard. Altre tipologie di carta, come ad esempio quella fotografica, richiedono un maggior impiego di inchiostro per la produzione dello stesso documento.

L’importanza della revisione

Rimarresti sorpreso nello scoprire quanto i refusi incidono sullo spreco di stampa. Spesso ci si accorge di uno strafalcione o di un cambio di formattazione solo dopo aver avviato la stampa, costringendo a stampare nuovamente lo stesso file. Una revisione attenta e un’occhiata all’anteprima di stampa possono evitare inutili sprechi che, sul lungo periodo, risultano molto impattanti sui consumi.

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi