Trattamento delle patologie intestinali

Il trattamento della diarrea da sola di solito richiede solo farmaci antidiarroici acquistabili al banco. Allo stesso modo, per avere sollievo dalla stitichezza esistono molti lassativi ed emollienti, che risvegliano la muscolatura intestinale e reidratano il corpo.

Il trattamento del cancro del colon richiede in parte la rimozione chirurgica dell’organo, una procedura nota come colectomia. La colectomia può anche essere raccomandata per una colite ulcerosa.

Evidentemente, una dieta ricca di fibre, accompagnata da uno stile di vita complessivamente sano, è la chiave di volta per evitare tante patologie intestinali.

I medici cercano di diagnosticare il cancro attraverso la colonscopia, dopo un test facoltativo del sangue occulto nelle feci. Lo fanno con l’inserimento di un endoscopio provvisto di telecamera nel retto, verso il colon, da dove l’endoscopio trasmette le immagini ingrandite dell’organo.

Durante questa procedura, il medico può rimuovere campioni di tessuto del colon, utilizzando gli strumenti sull’endoscopio, per una biopsia. Inoltre, il medico con l’endoscopio può rimuovere polipi  in un processo chiamato polipectomia.

Alcuni ospedali usano la colonscopia virtuale, in cui il medico utilizza contemporaneamente un computer e una macchina a raggi X per visualizzare l’intestino crasso. Se il medico vuole vedere esclusivamente il lato sinistro del colon, farà una sigmoidoscopia.

Ci sono altri modi di utilizzare l’endoscopio per la diagnosi di problemi intestinali. Ad esempio, vi è l’endoscopia superiore o esofagogastroduodenoscopia, in cui viene introdotto l’endoscopio attraverso la bocca.

Ancora un nuovo modo per esaminare l’intestino è l’endoscopia cosiddetta a capsula. In questo test, si fa ingoiare una capsula contenente una fotocamera microscopica. All’interno dell’intestino tenue, la telecamera manda le foto a un ricevitore.

Back to Top