Borracce per lo sport: come scegliere la migliore

Quando si parla di sport, la scelta della borraccia non è mai il primo argomento che viene affrontato, ma è più importante di quanto sembri: innanzitutto averne una permette di risparmiare sulle bottiglie d’acqua e di non utilizzare troppa plastica, dannosa per l’ambiente. Inoltre, ci sono diversi tipi di borracce a seconda dell’attività che vogliate intraprendere. Se volete cominciare a guardarvi intorno in un’ampia gamma di borracce, prima di cominciare ecco il link che fa per voi: bottiglietermiche.com, qui potrete trovare tutti i suggerimenti e i consigli utili sulle migliori borracce in commercio.

Borracce per la palestra

Se la vostra passione è il fitness, e siete soliti andare in palestra, la scelta ottimale è una borraccia piuttosto voluminosa: non dovete spostarvi più di tanto, quindi non vi sarà di intralcio, ed è fondamentale essere bene idratati dopo uno sforzo fisico importante. Un’altra caratteristica utile può essere nella borraccia a scompartimenti, che ha uno spazio “asciutto” per portare multivitaminici o pre-workout insieme con l’acqua o la bevanda energizzante che avete scelto.

Borracce per attività all’aperto

Se alla palestra preferite un allenamento all’aria aperta, magari un’escursione o un percorso vita, è fondamentale avere una borraccia termica: sicuramente vi capiterà di trovarvi sotto il sole estivo, anche per molte ore, e la borraccia termica sarà la vostra unica chance di rinfrescarvi quando siete particolarmente accaldati. Infatti quest’ultima riesce a mantenere la temperatura dell’acqua quasi inalterata, in qualsiasi condizione atmosferica. Questo tipo di borraccia è altrettanto fondamentale se siete amanti degli sport invernali: immaginate di essere a metà di una pista nera, affaticati e soprattutto infreddoliti, e di aver bisogno quindi di ricaricare le energie. Un buon thè caldo e zuccherato, o una cioccolata calda, farebbero al caso vostro, ma se non siete muniti di una borraccia termica, quel thè si sarà già trasformato in ghiacciolo!

Composizione della borraccia

Oltre alle caratteristiche di cui sopra, ce ne sono altre che sono comuni a tutte le borracce: in particolare, il tipo di beccuccio e il materiale. E per scegliere la borraccia migliore, dovrete valutare anche queste opzioni.
Per quanto riguarda il materiale, i più usati sono plastica, acciaio e alluminio. Naturalmente scegliere una borraccia in acciaio vi garantirà una maggior resistenza agli urti, ma al contempo avrete un peso maggiore da dover trasportare. L’alluminio invece è più leggero, comunque abbastanza resistente, ma alcuni studi hanno mostrato che potrebbe essere meno adatto a contenere bevande calde, o particolarmente acide, rispetto ad altri materiali. La plastica, infine, è il materiale più leggero (ed economico), ma di conseguenza più fragile.

È molto importante, qualsiasi sia il materiale che sceglierete, ricordarsi di pulire di frequente la propria borraccia: altrimenti, l’acqua può iniziare ad avere un sapore sgradevole, e potrebbero crescere all’interno muffe e batteri.
Per la scelta del beccuccio invece è innanzitutto necessaria una decisione a monte: averlo o non averlo? Se volete farne a meno, potete affidarvi alla classica chiusura “a vite”: è molto sicura (se verificate di averla chiusa bene) e semplice, bisogna solo controllare che non perda la guarnizione. Se invece scegliete il beccuccio, c’è un mondo di possibilità, con decine di forme e meccanismi di apertura e chiusura: il vantaggio è la possibilità di aprire facilmente la borraccia con una mano sola, anche se ovviamente scegliere un modello troppo “elaborato” o con molti componenti può risultare più scomodo e fragile.

Back to Top