Debellare la piaga degli stupefacenti

Volontari della “Fondazione per un Mondo libero dalla droga” in campo per una distribuzione di materiale informativo

Roma 7 marzo 2013 – Sondaggi mostrano che i ragazzi iniziano a far uso di droghe per “sentirsi accettati”, “per svagarsi o rilassarsi”, “per sfuggire la noia”, “per sentirsi più grandi”, “per ribellarsi”, o “per sperimentare”, credendo che le droghe siano la soluzione a questi “problemi”, ma ignorando che diventeranno “il loro futuro problema aggiunto”.
Nell’ambito della prevenzione alle droghe, questa settimana per i volontari romani della Drug Free World , che a Roma, nel XVIII municipio, attraverso una distribuzione gratuita di opuscoli daranno vita ad una iniziativa di prevenzione.

Gli opuscoli informativi sono prodotti dalla Fondazione per un Mondo Libero dalla droga (drugfreeworld.org) è un’organizzazione no-profit internazionale con sede a Los Angeles che provvede materiale educativo sugli effetti dannosi delle droghe, sia in forma di opuscoli, tradotti nelle principali lingue e distribuiti in oltre 50 milioni di copie in 125 nazioni, sia in termini di annunci di pubblica utilità, come i 16 spot della serie “Diceano…Mentivano” che hanno finora sbugiardato le principali menzogne con cui i giovani vengono attratti all’uso di stupefacenti attraverso 180 canali televisivi in 170 piazze pubbliche del mondo.

I volontari in questo modo entrano in contatto con giovani ed adulti per diffondere la verità sugli effetti degli stupefacenti e invertire la spirale che registra, secondo recenti studi, un peggioramento dal 10% al 40% dei giovani europei tra i 15 e i 16 anni che iniziano a far uso di marijuana.
“Le droghe privano la vita delle gioie de delle sensazioni che sono, comunque, l’unica ragione del vivere”. Con questa osservazione l’umanitario L. Ron Hubbard esortava ad una vita libera dalle droghe, obiettivo che i volontari romani della Drug Free World intendono raggiungere attraverso la corretta informazione sui pericoli delle sostanze stupefacenti.

Per informazioni:

drugfreeworld.org

[email protected]