Ecco il nuovo sito della dimora storica Duchessa Margherita

È appena stato pubblicato il nuovo sito web di Duchessa Margherita. Albergo e dimora storica in Piemonte, Duchessa Margherita rappresenta un’opportunità unica per dormire in una delle residenze d’epoca più eleganti della regione. Situata fra le colline delle Langhe monregalesi, questa dimora storica si trova a due passi dal Santuario di Vicoforte e fu costruita intorno alla metà del XIX secolo. È dedicata a Margherita, prima figlia femmina di Carlo Emanuele I di Savoia e benefattrice dei monaci cistercensi che risiedevano nel santuario.

Nel 2009 fu rilevata dagli attuali proprietari e, dopo un accurato restauro, Duchessa margherita offre adesso alcune delle più suggestive camere d’epoca in Piemonte. Ogni particolare della dimora è stato scelto per riproporre un’eleganza degna della corte sabauda. Elementi tradizionali come i mobili d’antiquariato francesi, la specchiera dorata, il cassettone in stile Luigi XVI, i pavimenti in legno delle camere e il camino d’epoca, si uniscono a comfort più moderni come i letti con materassi ergonomici e le vasche idromassaggio.

Duchessa Margherita è inoltre una scelta indicata per coloro che desiderino passare un week end nelle Langhe ed esplorare la regione. Situata fra le valli monregalesi, dalla dimora storica è possibile godere di scorci suggestivi dello splendido paesaggio circostante – magari gustando un pranzo tradizionale sulla terrazza panoramica. La villa è inoltre vicinissima al Santuario di Vicoforte, dotato della cupola ellittica più grande al mondo. In alternativa, per chi ha piacere di visitare le attrattive della regione, da Vicoforte ci si può spostare in tempi ragionevoli fino a Barolo e Alba, per scoprire la ricca storia, culturale e soprattutto culinaria, delle Langhe e del Monferrato.

Sul nuovo sito web duchessamargherita.it è possibile trovare una galleria fotografica che mostra gli ambienti suggestivi e le eleganti camere d’epoca, oltre che i contatti e le istruzioni per raggiungere la villa.

Back to Top