Fabbro: cosa fa e quali problemi risolve

Il mestiere del fabbro è uno dei mestieri più antichi al mondo. Si fa risalire la nascita di questa professione sin dal 1000 a.C., periodo storico noto come l’età del ferro. Tutto ciò non è casuale se si pensa che un fabbro è un artigiano specializzato nella lavorazione dei metalli tra cui, appunto, il ferro. Sicuramente ti sarai trovato almeno una volta nella vita in una situazione in cui l’aiuto di un fabbro esperto ti sarebbe stato utile, peccato che non sapevi di doverti rivolgere a un fabbro per quel lavoro.

In questo articolo potrai approfondire questa figura professionale, le sue competenze e, soprattutto, quando è necessario chiamarlo. Per farlo, abbiamo consultato il fabbro a Torino che si trova su questo sito web, molto disponibile a fornirci delle indicazioni.

Cosa fa un fabbro

Un fabbro si occupa della lavorazione di metalli quali il ferro, l’acciaio, il bronzo, il rame, l’ottone e l’alluminio. Per il suo lavoro si avvale di diverse tecniche di lavorazione e di attrezzi specifici. Tra questi: la fucina (o fornace) utile per scaldare i pezzi di metallo prima di essere modellati, utilizzando martelli e trapani; pinze (dette anche tenaglie), utili per forgiare i metalli incandescenti senza rischiare di bruciarsi; forme e presse per dare una determinata forma al metallo; l’incudine, che funge da supporto su cui poggiare il metallo incandescente; e il martello, che serve a battere il metallo poggiato sull’incudine.

Il mestiere del fabbro, come si evince dalle sue mansioni, è prettamente fisico. Richiede una buona manualità e un’apposita formazione che gli consenta di acquisire la conoscenza dei metalli e delle loro proprietà. Conoscere i metalli è fondamentale per fornire il giusto consiglio ai propri clienti in base alla tipologia di lavoro richiesto. Un bravo fabbro utilizzerà il ferro per la realizzazione di cancelli e inferriate trattandosi di un metallo estremamente resistente; sceglierà invece il rame per la realizzazione di oggetti decorativi, essendo un metallo morbido.

Non da ultimo, un fabbro che si rispetti possiede doti interpersonali e di comunicazione e un pizzico di creatività. Le prime lo aiuteranno nei rapporti con la clientela, mentre la creatività in tutte quelle lavorazioni del metallo per la realizzazione di oggetti di design che spaziano dai portafotografie in ferro, ai portavasi per il giardino, alle lampade vintage.

Quando chiamare un fabbro

Se hai acquistato un nuova casa e hai un giardino, magari stai pensando di farti realizzare degli oggetti di arredo personalizzati per dargli un tocco di stile. Tuttavia, la figura del fabbro viene associata maggiormente a situazioni di emergenza. Vediamo, allora, quali sono i casi in cui bisogna chiamare un fabbro.

Se al rientro dal lavoro non riesci più ad aprire la porta di casa perché la chiave non gira o si spezza dentro la serratura o, ancora, hai dimenticato le chiavi dentro casa per la fretta di uscire, ecco che l’intervento del fabbro può venirti in soccorso. Chiamare un fabbro in tutte queste situazioni è utile non solo per farti rientrare in casa, ma anche perché ti permetterà di sostituire la sola serratura e non l’intera porta. Capirai che il costo è ben diverso!

Mettendo da parte le situazioni di emergenza, un fabbro può aiutarti in tutti quei lavori che richiedono l’utilizzo dei metalli: realizzazione di cancelli, scale, inferriate per le finestre o, come abbiamo visto, per la realizzazione di oggetti di design. Ma non è tutto, chiama un fabbro anche se hai bisogno di installare una cassaforte o per riparare le serrande di casa.

Ora che sei a conoscenza delle competenze di un fabbro, saprai a chi rivolgerti la prossima volta che la chiave rimarrà incastrata nella serratura!

Back to Top