Il ruolo dello Studio legale nel divorzio: La valutazione psico attitudinale

Purtroppo può capitare che due genitori, affrontando un divorzio non si fidino abbastanza l’una dell’altra tanto da poter condividere un professionista in comune che dovrà eseguire una perizia psico attitudinale dell’intero nucleo familiare.

In questi casi la possibilità che ci si avvalga di due professionisti per un unico scopo è molto elevata e di conseguenza si avranno due professionisti che faranno entrambi lo stesso lavoro : raccogliere dati, rivedere documenti, intervistare i genitori, i figli e nello specifico le dinamiche interne al nucle familiare in esame.

In queste circostanze è possibile che i valutatori dei genitori presenteranno raccomandazioni più o meno equivalenti, salvo rari casi dove è possibile che vi siano invece rapporti discordanti dei due professionisti, circa la valutazione della madre e del padre.

L’Avvocato di uno studio legale specializzato in diritto di famiglia, potrà riportare le proprie esperienze che normalmente si tingono di sfumature di grigio per entrambi i genitori e sono sempre differenti di caso in caso, propriamente per le molteplici componenti che formano ogni singola situazione personale.

Di fatto è inconsueto avere una situazione in cui si ha un genitore che è completamente privo di problemi e l’altro è molto problematico, tuttavia ogni tanto capita e quando i professionisti hanno una differenza di valutazione che non sia grave, a discapito di uno dei due genitori, per il bene del minore, di solito si ha una risoluzione che accomuna entrambe le parti al fine di poter avere un affidamento congiunto.

Nel caso non fosse possibile allora si entra nel vivo nella fase di preparazione per il processo; si dovrà rivedere la custodia delle parti ed il tempo genitoriale da trascorrere con la prole dove verranno valutate deposizioni sulla salute psico fisica, documentate dai professionisti delle parti, oltre ad intervistare eventuali.

Presso gli studi legali specializzati in divorzi vi sono Avvocati che conoscono molto bene la materia relativa al diritto familiare che riportano circa una problematica di manipolazione del minore consigli e suggerimenti utili da mettere in pratica come preparazione al processo e come atteggiamento da proporre per uno stile di vita maggiormente adeguato.

Per quanto se ne possa conoscere, nessun professionista di uno studio legale specializzato in diritto di famiglia è a conoscenza ad esempio sul fatto che possano esistere dei test formali per determinare se un genitore sta manipolando un figlio a discapito dall’altro e neanche per determinare se il minore è stato “allenato” per mentire e/o denigrare l’altro.

In alcuni casi un genitore potrebbe dare segnali sottili alla prole, affiinche l’altro potesse essere evitato, mancato di rispetto o addirittura non gradito, pertanto tramite uno studio legale specializzato in problemi famigliari, si può trovare un professionista che può essere in grado di lavorare su un caso dove questi presupposti sono in gioco e l’obiettivo primario, sarebbe di valutare come ogni persona all’interno della famiglia contribuisce alla dinamica di manipolazione e questo richiederebbe informazioni da una varietà di fonti, in particolare contatti collaterali.

Avere il parere di un professionista specializzato in diritto di famiglia è il primo passo poter avere un quadro lineare della propria situazione personale, su www.studiolegaleavvocatoepis.it è possibile approfondire la tematica e prendere contatto con uno specialista di settore.