Montare l’antenna della Tv in modo corretto: ecco come

Sempre di più sono le persone che per hobby o per necessità si avvicinano al mondo del fai da te svolgendo piccoli lavori di riparazione e manutenzione. Trovarsi a dover montare un’antenna della tv può rientrare a far parte di queste situazioni.
Un’antenna, nel campo delle telecomunicazioni, è un dispositivo elettrico strutturato in modo tale da poter ricevere o trasmettere onde elettromagnetiche.

Insieme ad antennistamilanoeprovincia.it, leader nel settore antenne Tv e parabole, abbiamo spiegato a fondo come eseguire l’installazione dell’antenna Tv.

Montaggio antenna Tv: materiali e parametri

Prima di scendere nel dettaglio ed andare a vedere come comportarsi a seconda delle diverse tipologie di antenna è bene fare una premessa ed analizzare alcune caratteristiche quali, ad esempio, il materiale. Questo deve essere inossidabile ed in lega leggera, tra i materiali più utilizzati ci sono, senza dubbio, alluminio oppure leghe di acciaio e zinco. In questo modo l’antenna potrà resistere nel tempo ai vari agenti atmosferici.

Per quanto riguarda i parametri di campo è importante andare a prendere in considerazione, tra tutti, il guadagno e la direttiva:

  • guadagno: è la capacità dell’antenna di andare a concentrare il campo elettromagnetico in una direzione specifica, è qui che si avrà massima emissione oppure massima ricezione. In modo molto più semplice può essere anche definita come la grandezza che misura la potenza di un’antenna;
  • direttiva: questa è un rapporto tra l’intensità di radiazione irradiata in una particolare dimensione con la potenza totale irradiata su tutte le direzioni. Anche la definizione di questo parametro può essere semplificata come la capacità dell’antenna stessa di individuare la direzione di provenienza di un canale.

Consigli pratici per procedere all’installazione dell’antenna Tv

Ora possiamo andare a vedere in che situazione si può trovare chi deve andare a montare un’antenna. Una prima distinzione può essere fatta in base all’abitazione:

  • condominio o palazzo: una situazione, per la verità, abbastanza agevole. In questo caso l’impianto è gestito dall’installatore condominiale. Questo vuol dire che tutto quello che ti resta da fare è andare a collegare un cavo coassiale da una delle prese che puoi trovare a muro alla presa antenna del televisore;
  • abitazione privata: ciò che ti sto per dire nei paragrafi successivi è valido anche per chi abita in condominio ma ha necessità di tenere la televisione in un posto lontano dalle prese a muro. Andiamo a vedere il tutto in modo più preciso.
    Cominciamo dunque dai consigli più pratici.

Controlla gli spazi

Scegli una zona piuttosto ampia, almeno quanto sufficiente per poter installare ed eventualmente orientare la parabola. La zona selezionata deve essere priva anche di eventuali ostacoli che possono portare problemi ed abbassare la qualità della ricezione come alberi o strutture particolarmente alte. Se possibile tenete un’adeguata distanza dalla strada, dal camino ed ovviamente, dalle linee elettriche.

Montaggio antenna interna

La soluzione meno impegnativa è rappresentata dall’utilizzo di un’antenna interna che capterà il segnale, funziona anche per i canali ad alta definizione. Non ci sono particolari regole per un corretto posizionamento se non quello di scegliere un luogo piuttosto vicino ad un’apertura, come una finestra, e distante da altri apparecchi che potrebbero dare interferenze. È necessario comunque eseguire delle prove. Solitamente questi dispositivi si trovano in vendita con una base magnetica, un adesivo per fissarli ed un cavo coassiale che andrà collegato all’ingresso antenna di decoder o televisione.

Montaggio antenna esterna

Rispetto al precedente caso appena descritto si tratta sicuramente un sistema più complesso. Il posizionamento è importante e sarà sufficiente descrivere le linee guida elencate precedentemente. Solitamente questa tipologia di antenna è venduta in un kit che contiene anche una staffa da palo o da parete per permettere sia per il posizionamento sul tetto che sul balcone ed il cavo coassiale in un materiale resistente agli agenti atmosferici. Alcuni dispositivi sono dotati di filtro per interferenze dovuti a segnali come 3G, 4G e wireless per migliorare il sistema di ricezione.

Leggi anche questo articolo che parla di Digitale terrestre e DVB – T2!

Back to Top