Rimini ancora più appetibile con la mostra “Da Vermeer a Kandisky” dal 21 gennaio 2012 al 3 giugno 2012

Parte a Gennaio, nella suggestiva location del Castel Sismondo, un appassionante viaggio nella storia dell’arte con la grandiosa mostra Da Vermeer a Kandisky in apertura il 21/01/2012 fino al 03/06/2012.

Dopo il grande successo delle mostre precedenti Rimini ha conquistato la fama di proficua meta dell’arte che ha saputo unire l’attrazione turistica di località balneare o dedita al turismo con il comparto storico-artistico, ancora più ricco e vario.

La promozione turistica della città è stata dunque sviluppata negli ultimi anni su un ventaglio di proposte rivolte al turista e al visitatore più ampie, che si muovono dal balneare al settore completo del divertimento, dalla vacanza naturalistica al quella dedicata allo sport, dall’esplorazione enogastronomica dei prodotti locali agli interessi culturali.

Operatori del settore, addetti ai lavori, hotel e attività turistiche hanno dunque rimodellato il proprio modo di proporsi al tursita valorizzando e puntando sugli interessi emergenti e sulle nuove attrattive.

Le grandi mostre di Castel Sismondo hanno dato prova di come l’arte sia un settore che piace e attrae apportando alla città un grande afflusso di visitatori appositamente giunti per vedere i grandi capolavori dei maestri d’arte.

A gennaio Rimini si mette nuovamente in moto con la mostra Da Vermeer a Kandisky ottenuta dalla collaborazione tra Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini e Linea d’Ombra curata da Marco Goldin.

La mostra presenterà un taglio storico dal ‘400 al ‘900, offrendo per ogni secolo la maggiore rilevanza agli artisti, alle opere e ai luoghi che hanno dato origine a vere e proprie correnti, hanno dettato stili e offerto spunti emergendo, per citare alcuni esempi nella zona dedicata al seicento il visitatore troverà una prevalenza di opere olandesi.

Composta da nove sezioni la mostra propone una finestra sull’arte :
in Italia nel Quattrocento e nel Cinquecento e nel Seicento e Settecento,
in Spagna nel Seicento e nel Settecento,
in Francia nel Seicento e nel Settecento e nell’Ottocento,
nei Paesi Bassi tra Cinquecento e Seicento,
in Germania tra Quattrocento e Cinquecento,
in Inghilterra tra Settecento e Ottocento,
in Europa nel Novecento.

Un numero totale di ottanta opere esposte provenienti dai 30 musei più famosi al mondo.

Esposta eccezionalmente l’opera “Gesù con Marta e Maria” di Vermeer, il più grande tra i soli trentasei capolavori attribuiti in via ufficiale al maestro olandese nei suoi vent’anni di attività.

In mostra le grandi opere del Mantegna, di Raffaello fino a giungere a Picasso e Kandinsky, proseguendo verso Hopper e Pollock si aprono agli occhi del visitatore con imponenza e sontuosità, incastonate in un contesto espositivo di grande carisma come la Rocca Malatestiana di Rimini.

Attesi dunque dagli hotel 3 stelle Rimini appassionati d’arte, curiosi verso il genere o semplicemente turisti che possono trovare a Rimini qual valore aggiunto che ne contraddistingue e attribuisce meritata fama.

Fonte: http://www.vacanzeromagna.info/