Uno stand per rendere i diritti umani materia di studio nelle scuole

Invito ai cittadini di sottoscrivere la petizione popolare a sostegno dei diritti umani

ROMA 15 marzo 2011 – Mentre le violazioni dei diritti fondamentali sono all’ordine del giorno in tutto il mondo, i volontari della sezione romana di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale hanno rinnovato il loro impegno per gettare le basi di una futura cultura dei diritti umani. Sabato12 marzo, con uno stand informativo, i volontari si sono recati in centro storico a Roma per invitare i cittadini a firmare una petizione che chiede l’insegnamento della Dichiarazione Universale dell’ONU nelle scuole di ogni ordine.

I volontari sostengono il progetto Gioventù Internazionale per i Diritti Umani che si prefigge di insegnare i diritti umani ai giovani, mettendo l’accento sulla conoscenza dei 30 articoli della Dichiarazione Universale, e soprattutto dell’articolo 29, quello che sancisce la responsabilità per ciascuno di assicurarsi che i diritti umani abbiano concreta applicazione.

Il progetto Gioventù Internazionale ha reso il testo della Dichiarazione accessibile ai più giovani tramite l’uso di video da 30-60 secondi, uno per ciascuno dei 30 diritti, raccolti in un dvd dal titolo “30 Articoli. 30 Annunci”. Il DVD rappresenta anche uno degli strumenti didattici della più ampia “Guida per l’educatore” (youthforhumanrights.org), un piano di lezioni basato sui più alti standard educativi, che si avvale anche di un opuscolo con il testo integrale della Dichiarazione varata dall’Assemblea Generale dell’ONU il 10 dicembre 1948.

Obiettivo dei volontari per questo week end è stato quindi la raccolta di firme sulla petizione per rendere i diritti umani una materia di studio nelle scuole, mossi in questo loro impegno dal concreto appello dell’umanitario L. Ron Hubbard: “I diritti umani devono diventare una realtà, non un sogno idealistico”.

La Petizione è accessibile anche attraverso il sito www.petizionionline.it, alla voce “Attuare la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani”.

Per informazioni:
www.youthforhumanrights.org

[email protected]